20 Considerazioni prima di adottare un coniglietto

  1. Il coniglietto NON E’ UN GIOCATTOLO PER BAMBINI! Siete disposti voi adulti a prendervi cura dell’animaletto dopo l’entusiasmo inziale dei vostri figli?
  2. Un animale non va mai regalato “a sorpresa” ! Bisogna sempre parlarne prima e capire se la/le persone che lo riceveranno, la famiglia e i coinquilini siano davvero pronti ed entusiasti nell’ accoglierlo. Evitare che dopo qualche giorno l’animale regalato, venga vissuto come un “problema” di cui disfarsene come se fosse un oggetto.
  3. Avete verificato che nessuno in casa sia allergico al pelo animale e soprattutto al fieno? In casa ci sono soggetti asmatici o immunodepressi?
  4. La vita media di un coniglietto sano e felice è anche superiore ai 10 anni. Siete pronti a impegnarvi a seguirlo e gestirlo per la sua intera vita?
  5. Un ​​coniglio costa poco mantenerlo in quanto ha una dieta a base di fieno e verdure fresche. Viene però considerato e classificato come “animale esotico” tra gli animali di affezione e le cure veterinarie possono esser elargite correttamente solo da veterinari esperti in esotici e non da veterinari generici. Le visite e le cure possono esser piuttosto costose. Lefatture veterinarie in alcuni casi raggiungono facilmente diverse centinaia di euro. Siete disposti a fornire questo livello di cura, se dovesse essere necessario per il vostro compagno coniglio?
  6. La sterilizzazione soprattutto, ma anche la castrazione, sono fortemente consigliati nella specie dei lagomorfi a causa degli elevati livelli ormonali. Questi interventi vanno effettuati e programmati sempre con veterinari esperti in esotici per ridurre al minimo i rischi. Il costo medio varia da città a clinica. Siete disposti ad affrontare questa spesa per donare una vita serena al vostro amico?
  7. In caso di emergenza (ad esempio un blocco intestinale che purtroppo prima o poi può capitare ad un coniglietto anche ben curato) si ha davvero poco tempo per portarlo dal veterinario o in pronto soccorso veterinario. Avete la possibilità di attivarvi subito in questi casi urgenti?
  8. Vi siete già informati se nella vostra zona ci sono veterinari esperti in esotici e sareste disposti a raggiungerli per le visite periodiche ed i vaccini semestrali?
  9. Un coniglietto come tutti gli animali soprattutto da cuccioli potrebbe lasciare in giro per casa qualche “bisognino”. E’ per voi questo un qualcosa di inaccettabile?
  10. Un coniglio non vive in gabbia! Non è sufficiente lasciarlo libero solo per qualche ora per poi rinchiuderlo per la maggior parte della giornata. Avete quindi la possibilità di lasciarlo sempre libero almeno in una sola stanza?
  11. Se il coniglietto vivrà nella vostra cameretta che condividete con fratello/sorella/coinquilino etc., ne avete già parlato del nuovo ospite con chi condivide la stanza con voi?
  12. Un coniglietto per istinto tende a rosicchiare per esplorare. E’ fondamentale quindi mettere in sicurezza “a prova di coniglio” le stanze in cui soggiornerà il vostro animaletto. Siete disposti anche a subire qualche minimo danno a mobili, sedie e divano?
  13. Prima di prendere con voi un coniglio, avete già acquistato tutto l’occorrente per accoglierlo con voi (una tana, fieno, pellet, ciotole, beverino, verdure, legnetti da rosicchiare, tappetini, cardatore)?
  14. Avete animali con voi che potrebbero mettere in pericolo il vostro coniglio?(I conigli possono morire anche solo se spaventati per gioco da un predatore.)
  15. Se avete dei bambini piccoli in giro per casa, sarete in grado di sorvegliare entrambi ed evitare che accidentalmente giocando i bambini possano far del male al coniglio?
  16. Il coniglietto è un animale sociale ed ha bisogno di costanti attenzioni e coccole. Avete quotidianamente un po’ di tempo da dedicargli?
  17. E’ indispensabile pulire la lettiera quotidianamente, cambiare l’acqua e fornire sempre verdure fresche; in base al tipo di pelo poi bisognerà spazzolarlo più o meno frequentemente. Siete disposti ad avere questo impegno quotidiano?
  18. Un coniglio a differenza di altri animali domestici NON PUO’ RESTARE neanche sporadicamente da solo in casa per una intera giornata. In questi casi c’è qualcuno che potrà prendersene cura, portargli le verdure fresche e assicurarsi che stia bene?
  19. I conigli odiano viaggiare, si stressano facilmente se allontanati dal proprio territorio abituale e non sono adatti a frequenti spostamenti. Viaggiate e vi spostate spesso anche solo nei week-end?
  20. Durante i vostri viaggi, trasferte di lavoro o per le ferie estive, avete la possibilità di affidare in modo sicuro il vostro compagno ad un parente, ad un pet-sitter dedicato ai piccoli lagomorfi e roditori e non generici pet-sitter che accudiscono generalmente solo cani, gatti e altri predatori?

Questa serie di considerazioni, non servono a spaventarti ma solo a farti riflettere. Non si può infatti adottare o peggio acquistare un coniglio “di impulso” come se fosse un maglione in una giornata di shopping compulsivo…

Se anche una sola di queste considerazioni ti sta sollevando dei dubbi, è meglio che ti metti in contatto con una delle tante Associazioni che si occupano di adozioni dei conigli. Loro sapranno rispondere al meglio alle tue domande e sciogliere le tue perplessità prima di prendere con te questo nuovo compagno peloso…

di BRUNO MASELLI

Lascia un commento