Dilatazione gastrica del coniglio: trattamento medico

Una possibile opzione nei soggetti in cui la terapia chirurgica è controindicata
La dilatazione gastrica è una condizione acuta e potenzialmente fatale del consiglio d’affezione, comunemente causata da un’ostruzione intestinale dovuta a boli di pelo compresso. La chirurgia è normalmente considerata il trattamento di scelta per risolvere l’ostruzione. Tuttavia, per vari motivi, quali il mancato consenso del proprietario e l’elevato rischio anestetico dovuto alle condizioni critiche del paziente o a malattie concomitanti, il trattamento chirurgico può non essere effettuabile.

Uno studio descrive 145 casi di dilatazione gastrica osservati in un periodo di 3 anni trattati con terapia medica basata su un’associazione di metoclopramide, metamizolo, soluzioni elettrolitiche bilanciate con glucosio e alimentazione con siringa.

Non si osservava una predisposizione di razza o sesso. Quattro soggetti venivano soppressi, 3 dei quali subito dopo la diagnosi. Decedevano 11 animali, 8 dei quali il giorno della presentazione. Il trattamento medico era efficace in 130 casi (89%), con un tempo medio di terapia di 3 giorni. I pazienti venivano dimessi dalla clinica quando mangiavano e defecavano normalmente.

Benché il ricorso al trattamento medico della dilatazione gastrica debba essere valutato con attenzione, soprattutto in relazione alla gravità dell’ostruzione, al dolore e al benessere dell’animale, il buon tasso di sopravvivenza osservato nello studio suggerisce che esso sia una buona opzione per i casi in cui il trattamento chirurgico è controindicato, concludono gli autori.

“Medical treatment of 145 cases of gastric dilatation in rabbits” B. Schuhmann, I. Cope. Veterinary Record 2014; 175: 484

Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD

Lascia un commento