Immobilizzazione sicura di un coniglio in un asciugamano

I conigli sono facilmente stressati, e a volte la somministrazione di un farmaco per via orale o una flebo sottocutanea possono diventare una vera sfida.

Un coniglio che necessita di cure mediche a casa dopo la visita e la prescrizione del veterinario (esempio somministrazione di farmaci antidolorifici dopo un intervento o del semplice Critical Care per alimentazione forzata ) è un qualcosa di fondamentale per il bene stesso del nostro animaletto e non tutti i conigli sono pienamente collaborativi. Una serie ripetuta di rincorse, prese, fughe, scatti e manovre errate possono esser molto stressanti per il coniglietto nonchè pericolose.

Alcuni diventano estremamente aggressivi: mordono, graffiano e scalciano. Diventa quindi difficile immobilizzarli e sappiamo bene quanto siano pericolosi eventuali scatti improvvisi e torsioni del busto che potrebbero generare lussazioni oaddirittura fratture della colonna vertebrale.  Una immobilizzazione errata di questi conigli più vivaci e spaventati possono esser anche fatali: NON VA MAI INFATTI USATA TROPPA FORZA PER IMMOBILIZZARE UN CONIGLIO CHE TENTA DI FUGGIRE!

Se il coniglio quindi in nessun modo intende collaborare, utilizziamo la cosiddetta tecnica del “burrito-rabbit“.

 

Procuriamoci preferibilmente un asciugamano morbido, una copertina o una vecchia maglietta in cui avvolgerlo.

È importante far aderente bene al corpo il telo che andremo ad utilizzare e soprattutto immobilizzare le potenti zampe posteriori. Il tutto senza però comprimere troppo il ventre e assicurandosi che non sia compromessa  la normale respirazione. E’ importante inoltre non stringere troppo il tessuto intorno al collo tanto da comprimere la vena giugulare . Una volta avvolto in questa posizione, la maggior parte dei conigli si sente al sicuro e non cercheranno di dimenarsi per lottare o fuggire.

Il metodo di contenzione del coniglio con il “metodo del burrito” è molto individuale.  Se il coniglio è calmo, il coniglio può essere avvolto direttamente sul tavolo o su un lettino. Con un coniglio nervoso o aggressivo in genere è preferibile e molto più sicuro eseguire questa procedura direttamente sul pavimento. Quando un coniglio infatti è scarsamente avvolto nell’ asciugamano, potrebbe riuscire a liberarsi per sfuggire.

Posizionare l’asciugamano su una superficie piana e porre il coniglio al centro del panno. Tenerlo fermo ponendo una mano sulla collottola e l’altra sulla regione dell’anca, oppure mettendo entrambe le mani con calma sulle spalle e stringere con i gomiti per immobilizzare le zampe posteriori.
Il coniglio è posto sul  panno, nella posizione del pollo.

La persona resta  nella parte posteriore del coniglio e col le nostre gambe si impedisce una caduta a terra se il coniglio fa un movimento all’indietro o la fuga.

L’asciugamano viene stretto intorno alla base del collo del coniglio per garantire la piena moderazione degli arti anteriori.

I lembi laterali del panno sono quindi riportati al livello delle spalle del coniglio, uno dopo l’altro, circondando bene le regioni della giogaia ed il torace.

Un lato del telo si avvolge strettamente attorno al dorso del coniglio e nascosto sotto l’addome senza comprimere troppo addome e torace.
L’altro lato del telo si avvolge strettamente intorno al coniglio e anche  questo rigirato sotto l’addome 
La parte anteriore del coniglio è provvisoriamente immobilizzata  e mantenendo una mano sulla schiena del coniglio per evitare movimenti bruschi, si tira il lembo posteriore residuo portandolo in avanti per impedire una fuga all’indietro.
Mentre una mano (la mano destra in foto) mantiene fermo in posizione il lembo nascosto sotto l’addome, con l’altra mano ( la sinistra in foto) si effettua una giusta pressione sull’ estremità libera del  asciugamano avvolgendo anche questa intorno al collo.
Il secondo lato del telo è ora avvolto dietro e sopra il coniglio.

Una mano posizionata saldamente sulle spalle ed il braccio sulla schiena e gli arti posteriori, calmeranno il coniglio in eventuali tentativi di fuga. L’altra mano può anche essere posizionata sopra gli occhi.

Se fatto correttamente il coniglio di solito così avvolto rimane molto calmo.

Infine, la parte del telo all’estremità posteriore rimanente va riportata sopra o sotto il corpo del coniglio. Questo eviterà i tentativi di calci e ferire gli arti posteriori, o la “fuga della retromarcia” dal telo.

Al termine della procedura di avvolgimento, una mano si pone sulle spalle del coniglio per evitare che possa muoversi troppo e divincolarsi.

A questo punto anche i conigli più vivaci, stressati e aggressivi, saranno più facilmente immobilizzati e al sicuro da movimenti bruschi e pericolosi.
Si può procedere quindi alla somministrazione del farmaco con una siringa sollevando lievemente il labbro ed inserendola sempre con una giusta angolazione rispetto gli incisivi.

tratto da Medi Rabbit

Lascia un commento