conigliinprato

Le Erbe Spontanee nell’ alimentazione del coniglio

L’erba è l’alimento più naturale per cavie e conigli e spesso anche quello maggiormente gradito.
L’ideale sarebbe avere un bel prato rigoglioso da cui la bestiola possa brucare a piacimento, ma non tutti ce l’hanno a disposizione o riescono a metterlo adeguatamente in sicurezza. Può quindi aver senso che sia l’umano a raccogliere e portare l’erba a casa, con alcuni accorgimenti.

Dove raccogliere.

Sarebbe bene innanzitutto cercare di raccogliere erba il più possibile pulita, tenendosi lontano da strade trafficate, zone frequentate da cani, piante ornamentali, fossati o aree coltivate potenzialmente inquinati da fitofarmaci e insetticidi (sopratutto frutteti e vigneti, ma anche campi di frumento o ortaggi).
prato da foraggioL’ideale sono i campi coltivati a foraggio di campagna o montagna, quelli che al massimo vengono concimati annualmente a letame e vengono tagliati 3 o 4 volte all’anno.E’ bene rimanere ai bordi ed evitare di entrarvi quando l’erba è alta per non danneggiarla e compromettere il lavoro dei contadini.
Anche gli incolti possono andar bene, ma spesso presentano una varietà  tale di erbe da rendere difficoltosi il riconoscimento e la raccolta selettiva.

Se non si ha occasione di allontanarsi dalla città  ci si deve accontentare sicuramente di uno standard più basso, al punto che spesso tocca desistere dall’impresa.

Se non si abita lungo una strada trafficata è possibile coltivare le erbe in vaso sul proprio balcone, anche se una quantità  così ridotta potrà essere sufficiente solo per una gradevole merenda ogni tanto. Come semi, scegliere i misti per prato, che in genere sono di graminacee (loietto, festuca, agrostis, poa…).
Se si dispone di un proprio prato, è bene evitare di inquinarlo con fitofarmaci e insetticidi, e di raccogliere le piante ornamentali, che sono spesso tossiche. La strategia migliore e’ di lasciare almeno una porzione di prato non rasata, da tagliare di volta in volta per avere erba sempre fresca.

Raccogliere e conservare

Le piante da preferire sono quelle sane e robuste, prive di parassiti e malattie evidenti. Per raccoglierle senza sradicarle è utile tagliarle con un coltellino, una forbice o un falcetto.

Indispensabile è un contenitore in cui riporre l’erba che lasci circolare l’aria e non trattenga l’umidità : un sacchetto di stoffa è particolarmente indicato, ma anche una scatola di cartone può andare bene.

Solitamente quando si raccolgono piante selvatiche è bene farlo evitando di impoverire l’ambiente. Tuttavia, le erbe che ci interessano per l’alimentazione dei nostri animali sono estremamente comuni, e la loro raccolta manuale non provoca danni.
L’erba recisa non si conserva fresca per molto tempo. Una volta tornati a casa è bene offrirla subito, e quello che avanza spargerlo, idealmente su di una grata, e rimescolarlo più volte al giorno. erba stesa su di una grataL’erba che rimane ammassata, soprattutto se chiusa in sacchetti di plastica oppure umida, va incontro a fermentazione e può sviluppare muffe e batteri pericolosi. Se annusandola avvertite un odore sgradevole, ben diverso da quello dell’erba fresca, o se infilando la mano nell’erba percepite calore, allora è il caso di essere prudenti e buttare via tutto.

Nell’alimentazione quotidiana

Come per qualsiasi altro alimento nuovo, anche l’erba va introdotta gradualmente nella dieta di una bestiola non abituata.
Idealmente il coniglio e la cavia potrebbero vivere solo di erba, difficilmente pero’ quella recisa e scelta da noi può essere sufficiente: meglio continuare a tenere a disposizione del fieno e a dare un’integrazione di verdure fresche (e vitamina c per la cavia), sopratutto se le quantità  di erba non sono notevoli.

L’erba può essere di aiuto nei momenti di difficoltà, ad esempio per stimolare l’appetito di un animale sofferente, per riattivarne l’intestino rallentato, per espellere più facilmente il pelo ingerito durante la muta grazie alle fibre lunghe.

Alcune erbe possono alterare il colore dell’urina, facendola diventare arancione, marrone, rossa, o bianca e torbida nel caso di erbe ricche di calcio.
Le feci del coniglio che mangia molta erba saranno belle tonde e grandi, più scure e un po’ meno friabili rispetto a quando il coniglio mangia prevalentemente fieno.

Cosa raccogliere

Le graminacee (poacee), ovvero le vere e proprie piante con foglie a nastro (‘a filo d’erba’), che a maturazione hanno una spiga più o meno riconoscibile come tale. E’ preferibile raccoglierle ancora giovani e ben verdi, ma è comunque possibile reperirne tutto l’anno. Dovrebbero costituire il grosso del ‘raccolto’.

graminacee graminacee graminacee graminacee graminacee
graminacee graminacee

Piantaggine (plantago), molto comune e generalmente gradita, reperibile un po’ tutto l’anno.

piantaggine piantaggine, fiore piantaggine piantaggine piantaggine
piantaggine piantaggine, fiore

Altre foto su wikimedia, missouri plants.


Achillea (achillea millefolium).

achillea achillea achillea, fiore achillea achillea

Altre foto su wikimedia.


Malva (malva).

malva malva malva, fiore

Altre foto su wikimedia


 

Centocchio (stellaria media), piantina diffusa sopratutto all’inizio della primavera. Da non confondere con la Veronica e l’Anagallide (anch’essa talvolta chiamata centocchio), tossiche, le cui foglie possono sembrare simili ma i cui fiori sono molto diversi.

stellaria stellaria, con fiori stellaria, fiore

Altre foto su wikimedia, missouri plants.


 

Pratolina (bellis perennis), piantina presente durante tutto l’anno.

pratolina pratolina pratolina

Foto su wikimedia


Porcellana (portulaca).

porcellana

Foto su wikimedia


Cicoria (chicorium intybus), specie selvatica da cui sono state selezionate molte insalate coltivate. Presenta una rosetta basale ricca di foglie, in estate emette anche un fusto ramificato con tipici fiorellini azzurri o violacei.

cicoria cicoria, foglie cicoria, fiore

Foto su wikimedia


Ortica (urtica), pianta dalle eccellenti caratteristiche, ma urticante al tocco. Raccogliere con i guanti e lasciar seccare prima di offrire.

ortica ortica, foglie

Foto su wikimedia


 

Parietaria (parietaria), lenitiva e diuretica. Da consumare con parsimonia, come tutte le piante con spiccate proprietà  officinali.

parietaria parietaria, foglie parietaria, fiori

Foto su wikimedia


Borsa del pastore (capsella bursa-pastoris), brassicacea, ricca di calcio e tannini. Da consumare con parsimonia.

borsa del pastore borsa del pastore, fiori e frutti borsa del pastore, rosetta basale

Foto su missouri plants


Tarassaco (taraxacum officinalis), dalla tipica rosetta di foglie dal bordo variamente frastagliato e il fiore giallo che matura in soffione. Molto gradito ma anche un po’ troppo ricco di calcio: meglio non eccedere e offrire solo a mo’ di premio, sopratutto a conigli e porcellini adulti.

tarassaco tarassaco tarassaco, fiore tarassaco, soffione tarassaco_02
tarassaco, rosetta basale tarassaco, foglie tarassaco, foglie

Altre foto su wikimedia


 

Trifoglio (trifolium), erba medica (medicago), veccia (vicia). Leguminose, gradite ma un po’ troppo ricche di proteine e calcio: adatte quindi all’alimentazione di cuccioli e madri in lattazione, decisamente meno per quella di cavie e conigli adulti. Fermentando rapidamente, possono provocare gonfiori e quindi dolori addominali: si consiglia di farle seccare bene prima di offrirle, oppure di darle freschissime e comunque sempre in piccole quantità , magari insieme ad un bel mazzo di graminacee.

trifoglio trifoglio, fiore trifoglio, fiore erba medica erba medica
erba medica 'araba' erba medica 'araba' veccia veccia

Altre foto di trifoglio su wikimedia.
Altre foto di erba medica su wikimedia.
Altre foto di veccia su wikimedia.

Cosa evitare

Uno dei maggiori deterrenti alla raccolta è il timore di raccogliere piante nocive. In un prato coltivato questo rischio è ridotto, e le piante tossiche che si incontrano più frequentemente sono facilmente riconoscibili e non letali. Negli incolti, la possibiltà  di incontrare piante tossiche varia da zona a zona.
Una buona regola è semplicemente di non raccogliere quello che non si conosce e che non si è sicuri sia commestibile. Non affidatevi al presunto istinto del vostro animale: succede spesso che un coniglio o un porcellino nato e vissuto in casa da genitori altrettanto domestici non abbia idea di quello che non dovrebbe mangiare.

Ranuncolo (ranunculus), tipicamente dal fiore giallo. Tossico. Essiccato (ad esempio nel fieno) non è pericoloso. Tutte le piante della famiglia delle ranuncolacee sono tossiche e andrebbero evitate.

ranuncolo ranuncolo favagello ranuncolo, fiore ranuncolo, foglie ranuncolo, foglie
ranuncolo, foglie ranuncolo, dimensioni

Altre foto su wikimedia


Veronica (veronica), tipicamente dal fiorellino azzurro. Tossica. Tollerata in piccole quantità  (ad esempio se ne raccogliete accidentalmente qualche piantina insieme ad altra erba).

veronica veronica veronica, fiore veronica, dimensioni

Altre foto su wikimedia


Anagallide (anagallis arvensis), piccola pianta dal fiorellino arancione o blu. Tossica.

anagallide anagallide anagallide

Foto su wikimedia, missouri plants


 

Romice (rumex), da evitare perchè è ricco di ossalati e acido ossalico.

romice romice, dimensioni romice romice rumex_02
romice romice, fiore

Altre foto su wikimedia


Acetosella (oxalis), da evitare perchè ricca di ossalati di calcio. Da non confondere con il trifoglio, la cui foglia a prima vista potrebbe sembrare simile.

acetosella acetosella, foglie acetosella, dimensioni

Altre foto su wikimedia


 

Come riconoscerle

Per imparare è utile procurarsi qualche libro divulgativo dedicato alle piante erbacee, magari della propria zona, possibilmente con illustrazioni delle foglie e della pianta intera oltre che del fiore. Volendo approfondire risulta particolarmente utile imparare un po’ di lessico botanico, di modo da usufruire della descrizioni.
Spesso interessanti sono i libri di piante alimurgiche, ovvero spontanee commestibili per l’uomo, con l’avvertenza che ciò che è commestibile per l’uomo (magari dopo cottura o altro trattamento) non sempre lo è per il coniglio o la cavia.
Un’altra risorsa molto utile per approfondire è il web: spesso basta digitare il nome latino di una specie per trovare numerose foto.
Il momento migliore per imparare è la primavera, quando la maggior parte delle piante produce fiori ed è meglio individuabile.

Bibliografia.

Contarini. Le piante erbacee spontanee. Essegi.
Corsi, Pagni. Piante Selvatiche di uso alimentare in Toscana. Pacini.
Mattirolo. Phytoalimurgia pedemontana. Blu.
Le erbe medicinali aromatiche cosmetiche. Fabbri.


ARTICOLO TRATTO DA:
I manuali della Collina

 

 

Condividi questo articolo su :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *