Trattamento non chirurgico degli ascessi della testa nei conigli

Purtroppo non di rado, i conigli soffrono di ascessi in varie parti del capo, compresi la bocca (mascella o mandibola) e dietro gli occhi. Nella maggior parte dei casi queste infezioni sono legate a problemi ai denti molari. Poichè i conigli ingeriscono i cecotrofi, gli ascessi generalmente contengono batteri che si trovano sia in bocca sia nell’intestino. Questo può rendere problematico il trattamento, in quanto gli antibiotici utilizzati per curare l’infezione non devono uccidere anche i batteri benefici intestinali, in quanto causerebbe disbiosi cecale (alterazione dell’equilibrio della flora batterica), che può essere fatale.

Fino a pochi anni fa, la sola opzione per curare gli ascessi nella testa di un coniglio da compagnia era un intervento invasivo, la pulizia (debridement) della zona e l’impianto di grani impregnati di antibiotico che hanno l’effetto di rilasciare lentamente il composto batteriostatico o battericida.

Recentemente, il trattamento medico con antibiotici specifici ha dimostrato la non necessità di tali pratiche invasive.
Uno studio eccellente su Periodontal Bacteria in Rabbit Mandibular and Maxillary Abscessesnon solo identifica i batteri più tipicamente responsabili di ascessi in bocca/osteomieliti nei conigli, ma inoltre fornisce informazioni sugli antibiotici più spesso efficaci contro di essi. Secondo le ricerche, il 96% dei batteri che si trovano negli ascessi in bocca dei conigli sono sensibili alla penicillina ed il 100% sono sensibili alla clindamicina.
Poiché i lincosamidi (classe di antibiotici di cui fa parte la clindamicina) e la penicillina causano disbiosi cecale ed enterotoxemia nei conigli, non possono essere somministrate oralmente per curare gli ascessi della testa. La clindamicina, seppur efficace, è pericolosa anche se iniettata, poiché può raggiungere i tessuti intestinali e causare problemi.
Quando usata nei grani imbevuti a lento rilascio impiantati nella zona dell’ascesso, la clindamicina può essere efficace. Tuttavia, poiché esiste il rischio che la clindamicina entri in bocca e nell’intestino attraverso l’ascesso, alcuni veterinari preferiscono evitare l’utilizzao di questa medicina potenzialmente pericolosa per i conigli.

La Penicillina G Procaina iniettabile è considerata l’unica penicillina “sicura” per conigli. Quando combinata con Benzantina (conosciuta come “bicillina”), la medicina resta più a lungo nel corpo, permettendole di penetrare meglio il pus spesso e denso dell’ascesso del coniglio. Le iniezioni di bicillina a giorni alterni per diverse settimane hanno avuto eccellenti risultati nella cura di ascessi considerati non curabili solo qualche anno fa.

Uno dei primi articoli sull’argomento, “Successful Eradication of Severe Abscesses in Rabbits with Long-Term Administration of Penicillin G Benzathine/Penicillin G Procaine” di Marcy E. Rosenfield (Moore), descrive diversi successi con la cura con bicillina. Lo stesso trattamento è stato ripetuto su centinaia di conigli affetti da brutti ascessi alla bocca, usualmente con ottimi risultati. Sebbene questo report è più illustrativo che scientifico, offre protocolli utili per la terapia con bicillina oltre che casi di studio di successo.

La cura con bicillina è attualmente considerata da molti veterinari esperti in conigli come il “primo” protocollo possibile per infezioni retrobulbari, delle orecchie interne (spesso accompagnati da toricolli o “testa inclinata”) e ascessi da radici dei denti nei conigli.

Se il tuo veterinario non ha familiarità con questo protocollo, puoi stampare questo articolo con i link e proporglielo quando porti il tuo coniglio per una visita.

Fonte

Non-Surgical Treatment of Head Abscesses in Rabbits di Dana M. Krempels, Ph.D Department of Biology University of Miami, FL.
Traduzione a cura di La collina.
Grazie a Dana M. Krempels per aver autorizzato la traduzione e diffusione dell’articolo su questo sito.

Articoli di approfondimento

Periodontal Bacteria in Rabbit Mandibular and Maxillary Abscesses, di Kerin L. Tyrrell, Diane M. Citron, Jeffrey R. Jenkins, Ellie J. C. Goldstein, and Veterinary Study Group
Successful Eradication of Severe Abscesses in Rabbits with Long-Term Administration of Penicillin G Benzathine/Penicillin G Procaine di Marcy E. Rosenfield (Moore)
Abscesses: Injectible Penicillin Offers New Hope
Piccolo campione di casi di studio

Un pensiero su “Trattamento non chirurgico degli ascessi della testa nei conigli”

  1. Grazie mille , domani mando questa notizia alla mia veterinaria. Il mio coniglietto di 7 anni purtroppo ha questo problema nella mascella destra inferiore. Si è creato un nodulo osseo e un ascesso esterno pulito più volte , anche marsupializzato ma dopo 1 mese di cure , disinfettare , pulire è tornato. Ora sarebbe da operare per paura che non possa più nutrirsi e per non vederlo soffrire, ma a questa età ho il terrore che non ce la faccia a sopportare un operazione così invasiva. Non posso perderlo. Grazie ❤❤❤

Lascia un commento